Categorie
Eventi

Too Much Democracy

Con l’arrivo della bella stagione e le giornate che si allungano tornano gli eventi di Jarom. Vi proponiamo la prima proiezione nazionale di “Too Much Democracy” di Varrun Sukhraj (in lingua originale con sottotitoli in italiano) domenica 22 maggio, alle ore 20.30 presso il Comala (corso Ferrucci 65, Torino).

❗️Ingresso libero e gratuito

Il documentario è un potente ritratto della grande protesta che per più di un anno, da settembre 2020 a novembre 2021, ha coinvolto milioni di contadini indiani contro la riforma del settore agricolo voluta dal Governo.

Trailer: https://youtu.be/M57lCFBgMpg

Per chi volesse approfondire, alla proiezione seguirà un breve dibattito guidato da Daniela Bezzi, giornalista, e Alessandra Consolaro, professoressa di Letteratura Hindi presso l’Università di Torino.

Evento fb: https://fb.me/e/1BIgTr7de

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

🔎 i fatti al centro del film 🔎

Nel settembre del 2020 il governo presieduto da Narendra Modi ha approvato un pacchetto liberista con cui rivoluzionare il settore dell’agricoltura. Tra le misure previste, l’eliminazione dei vincoli di prezzo per l’acquisto e la vendita di prodotti agricoli, che sono così potuti uscire dai circuiti regolamentati dallo stato per entrare nel settore privato a contrattazione libera.
Un grande vantaggio per le società agricole e di distribuzione più grandi, capaci di sostenere prezzi molto più bassi rispetto ai piccoli agricoltori. Questi ultimi hanno lamentato anche la loro completa esclusione dai negoziati sulla riforma, una violazione della Costituzione indiana che richiede invece consultazioni con tutti i soggetti interessati dalle nuove leggi.

È in questo contesto che migliaia di contadini hanno iniziato a scendere in strada per far sentire la loro voce. Quella che doveva essere una protesta contenuta si è trasformata con il passare delle settimane in una collera nazionale, in un paese abitato da 1,3 miliardi di persone, di cui la metà occupate nel settore agricolo.
Sono state bloccate per mesi le principali autostrade del paese, sono stati costruiti veri e propri accampamenti dove hanno vissuto i contadini durante i loro picchetti, ci sono state manifestazioni continue nelle strade di Nuova Delhi e delle altre città.
Nel novembre 2020 è stato anche indetto da 10 sigle sindacali un grande sciopero generale, che ha coinvolto oltre 250 milioni di lavoratori.

Le proteste sono andate avanti anche nel 2021 e con loro lo spargimento di sangue. Le associazioni degli agricoltori affermano che sono almeno 600 i contadini e gli attivisti che hanno perso la vita.

A novembre 2021, un anno e due mesi dal via libera alla riforma agraria, il premier Modi ha annunciato la sua abrogazione.
Il timore peró è che dietro alla decisione di Modi ci siano logiche di convenienza elettorale. Tra febbraio e marzo di quest’anno infatti erano in programma le elezioni in Punjab, Uttar Pradesh e Uttarakhand, stati in cui l’elettorato del settore agricolo ha un grande peso

Pubblicità
Categorie
Eventi

Scoprendo l’India: tra libri e cucina

Da un paio di settimane Jarom ha dato il via ad un ciclo di incontri online sull’India, dal titolo “Scoprendo l’India: tra libri e cucina”.
Alterneremo incontri serali più ‘teorici’, in cui i nostri ospiti ci presenteranno tematiche legate alla religione, società, e cultura indiana, a domeniche pomeriggio ai fornelli: pensate nella fascia oraria pre-cena, ci faranno conoscere ricette indiane che ci verranno spiegate nei dettagli, per far entrare la cucina indiana nelle nostre case.

Ecco il calendario completo:

Lunedì 22 marzo, ore 20.45: prof.ssa Pinuccia Caracchi. Docente dell’Università degli Studi di Torino, che ci ha proposto un’interessante spaccato sull’India e un’introduzione alla religione induista. Per riascoltare l’intervento sul nostro canale Youtube, cliccare qui.

Domenica 28 marzo, ore 18.30: In cucina con…Vaishali Raokhande, nata a Mumbai, vive in Italia da 17 anni. Lettrice di lingua hindi presso l’Università degli Studi di Torino e cuoca per passione. Abbiamo preparato polpette vegetariane e chutney di mele e se volete rivedere il procedimenti spiegato da Vaishali cliccate qui.

Mercoledì 7 aprile, ore 20.45: Giovanna Cordella è dottoressa magistrale in Lingue dell’Asia e dell’Africa per la Comunicazione e Cooperazione Internazionale, laureata presso l’Università degli Studi di Torino e volontaria Jarom da più di cinque anni!
Oltre ad essere stata volontaria e aver collaborato nell’organizzazione di tre campi Jarom presso la Nawa Maskal School in India, Giovanna ha anche approfondito lo studio della cultura ādivāsī e del metodo educativo proposto in questa scuola. Non perdetevi l’incontro in cui ci esporrà i suoi studi e le sue esperienze! Per riascoltare l’intervento sul nostro canale Youtube, cliccare qui.

Domenica 18 aprile, ore 18.30: Torna In cucina con…Vaishali. Abbiamo preparato riso pulao e dhal di lenticchie e se volete sapere gli ingredienti e rivedere il procedimenti spiegato cliccate qui.

Lunedì 26 aprile, ore 20.45: prof.ssa Alessandra Consolaro. Attualmente docente di Lingua e Letteratura hindī e di storia dell’Asia meridionale presso l’Università degli Studi di Torino. I suoi numerosi studi e viaggi con il tempo si sono incentrati sempre di più sulle lotte delle classi subalterne, che comprendono, in particolare, donne, dalit (intoccabili), ādivāsī e altre minoranze etniche e religiose.
Unitevi a noi per scoprire un’altra faccia dell’India, in cui la più grande democrazia del mondo viene messa in esame, portando alla luce grandi criticità e lotte sociali che non possono più venire ignorate!
Per riascoltare l’intervento sul nostro canale Youtube, cliccare qui.

Domenica 9 maggio, ore 18.30: In cucina con…Binay. F. Binay Guria, sacerdote indiano, adivasi, da tre anni a Torino. Con lui abbiamo preparato i “rasgulla”, tipici dolci indiani. Per seguire il procedimento per prepararli cliccare qui.

Martedì 18 maggio, ore 20.45: Martina Mazzoni è dottoressa magistrale in Lingue dell’Asia e dell’Africa per la Comunicazione e Cooperazione Internazionale presso l’Università degli Studi di Torino.
Per la sua tesi di laurea Martina ha trascorso svariati mesi in India per tradurre l’autobiografia di una donna dalit (intoccabile) il cui titolo è “Dohrā abhiśāp – La doppia maledizione” di Kausalyā Baisantrī.
Non perdetevi l’incontro in cui Martina ci racconterà della sua esperienza intensa in quanto donna, viaggiatrice e traduttrice in India sulle tracce di un’altra donna, molto meno libera, ma altrettanto tenace, nata in un mondo crudo, in cui l’essere femmina e intoccabile sembra essere, per l’appunto, una doppia maledizione. Per rivedere l’incontro cliccare qui.

Categorie
News

5×1000

Un gesto che non costa nulla, ma vale tanto.

Devolvendo il tuo 5×1000 a Jarom puoi aiutarci a garantire un’istruzione a oltre 800 bambini/e adivasi.

Basta solo inserire nell’apposito spazio del Modello 730 o del Modello Redditi il codice fiscale di Jarom: 97772510018. Noi garantiamo trasparenza e massimo impegno perchè niente vada sprecato.

Grazie!

Categorie
Eventi

Yoga e Radici

Durante queste vacanze natalizie abbiamo lanciato un ciclo di incontri di yoga, guidati dalla nostra Alice De Meo, indologa e istruttrice fitness, yoga e benessere.

Jarom in hindi significa radici e di solito utilizziamo questo termine per raccontare la storia di un popolo. In questi incontri, radici sarà il termine che utilizzeremo per raccontare la nostra storia.
Il termine asana viene spesso tradotto con “posizione”, tuttavia una possibile traduzione della radice as (da cui la parola deriva) è il verbo abitare. Proprio quella da cui deriva la parola adivasi!
Ecco quindi che l’incontro dedicato alla salvaguardia della casa degli adivasi, sarà anche quello in cui ci interrogheremo sulle radici della nostra principale casa: il nostro corpo.

Le dirette dei primi due incontri sono disponibili qui:

SABATO 26 dicembre: https://fb.watch/2ONDLYaaUy/

DOMENICA 3 gennaio: https://fb.watch/2ONzS3gx60/

Vi aspettiamo per il terzo e ultimo incontro, DOMENICA 10 gennaio, ore 18.00.

Info e dettagli saranno presto online sulla nostra pagina Facebook.

Ricordiamo che gli incontri sono gratuiti, ma per chi avesse piacere di dar un contributo può far una donazione alla “Raccolta fondi per il dispensario di Jareya”, attiva fino al 17 gennaio 2021, cliccando qui.

Categorie
Jareya News

Raccolta fondi per il dispensario di Jareya

La salute é un diritto.

In India le diseguaglianze sociali crescono anche nell’assistenza sanitaria.

Per questo noi di Jarom, cerchiamo di rimediare nel nostro piccolo chiedendo ancora una volta il vostro sostegno!

LANCIAMO UNA RACCOLTA FONDI PER IL DISPENSARIO DI JAREYA!

Il dispensario è un progetto nato per offrire un punto di primo soccorso agli abitanti dell’area di Jareya, zona rurale in cui non vi sono centri sanitari pubblici o privati. Dal 2008 offre assistenza medica agli abitanti dei villaggi intorno alla scuola, così come al personale scolastico e agli studenti e studentesse, che spesso hanno febbre (malaria e tifo), problemi dermatologici, ortopedici, etc.

Vi chiediamo la massima diffusione per questo progetto che grazie al vostro contributo può garantire assistenza sanitaria agli studenti della Nawa Maskal School, ma anche agli abitanti dei villaggi limitrofi alla scuola, troppo spesso privi di mezzi e ausili sanitari.

Per scoprire di più e donare, vai alla pagina del progetto cliccando qui.

Grazie!

Categorie
News

Agenda 2021

🧡 La nostra piccola Jaromina, insieme a tutt* noi é lieta di presentarvi le AGENDE JAROM 2021!!💡 Anche quest’anno nella copertina abbiamo voluto riprendere le attività realizzate nei campi estivi passati.

🖐🏽 Infatti, le colonne dell’asilo sono state decorate con le impronte delle manine dei più piccoli e delle più piccole.

👣 Le impronte che lasciamo attraverso il nostro corpo e il nostro percorso sono indissolubilmente legate alla nostra identità.

✊🏽 La copertina, in linea con i principi dell’associazione, ci ricorda quanto sia importante lasciare un segno, una traccia, un’impronta che siano simbolo di identità, integrazione e collaborazione.

🤝 In questo periodo di distanze, vogliamo ricordare che soltanto insieme possiamo segnare tracce importanti per far sentire la nostra voce. Insieme, possiamo lasciare delle impronte che siano di guida per chi proseguirà il nostro stesso cammino. Insieme, possiamo collaborare per la difesa delle popolazioni ādivāsī, troppo spesso emarginate e private della loro voce.

ℹ️ Sono disponibili in versione orizzontale e verticale.

Per maggiori info contattateci! ❤️

Grazie!